Cerchiamo di dare una mano … e ce la amputano!

Nella giornata di lunedi 20/2/2017 il comitato ha presentato una “lettera aperta” all’ amministrazione, alla giunta ed a TUTTI  i consiglieri del comune di Monte Porzio Catone, che si accingevano a presiedere un consiglio comunale per identificare le linee guida per il prossimo bando di assegnazione del servizio di raccolta differenziata, che per inciso si tratta di uno degli appalti monteporziani più onerosi in quanto “pesa” sulle casse comunali una modica cifra come 9 milioni di euro!

Memori dell’ esperienza volontaria di raccolta dei rifiuti effettuata da cittadini,

stufi di assistere inermi all’ abbandono in strada di ogni sorta di rifiuto, fino alla creazione di vere e proprie discariche su v.  Frascati in pieno territorio comunale. In 5 gionrate di raccolta alle quali il comitato ha partecipato, abbiamo potuto constatare la gravità della situazione e, sopratutto, la necessità che il capitolato del bando di gara per l’ aggiudicazione del prossimo appalto DOVESSE ASSOLUTAMENTE contenere delle chiare e ferree (pena INADEMPIENZA CONTRATTUALE) disposizioni su questi temi di decoro urbano e comunale.

La lettera che vi alleghiamo nella sua interezza è stata letta dal Consigliere Galati, sopratutto in relazione al fatto che molti consiglieri (di opposizione) non la avevano ricevuta poiché le loro email istituzionali non erano da loro raggiungibili.

Spettabile Sindaco, Giunta e Consiglieri del Comune di Monte Porzio Catone,
la presente per chiedere formalmente di trattare e considerare
alcune questioni ambientali nel prossimo bando di gara dell’ appalto di gestione e raccolta differenziata dei rifiuti, che vi accingete a discutere oggi in consiglio comunale, e che tali considerazioni vengano lette a suddetto consiglio.

Considerando una serie di questioni riguardanti i servizi aggiuntivi
che la ditta vincitrice dell’ appalto dovrebbe porre in essere,
riteniamo assolutamente necessario che vengano inserite chiaramente come elementi inprerogabili del bando le seguenti criticità.
Considerando inoltre l’ attività volontaria di raccolta dei rifiuti e
di rimozione delle mini discariche presenti a v. Frascati sul ciglio
della strada svolta volontariamente nel 2016 da una serie di cittadini stufi delle condizioni insostenibili della strada ed alla quale il comitato ha attivamente partecipato, ci troviamo di fronte ad un chiaro segnale che le modalità di espletamento del servizio di raccolta differenziata nel comune non sono attualmente adeguate. Tale mancanza si palesa SOPRATUTTO nei servizi, che sarebbero dovuti essere svolti dalla ditta incaricata e che invece sono stati svolti dai privati cittadini (con costi ed oneri a loro carico!).
Nessun supporto è stato dato dalla ditta in questione se non la raccolta di alcuni sacchi che i volontari lasciavano lungo la strada.

Riteniamo quindi necessario sottolineare alcuni punti che il nostro
comitato reputa fondamentali da inserire nel prossimo bando di gara:

1) Abbandono rifiuti in strada, nei boschi e nelle aree verdi
perimetrali, tale fenomeno espone irrimediabilmente il paese allo
sguardo critico di cittadini e passanti. È assolutamente necessario
che:
a) il servizio di pulizia delle strade e dei cigli/marciapiedi in
prossimità delle stesse venga effettuato nel nuovo bando ***a totale cura e costo*** della ditta vincitrice dell’ appalto.
b) il SERVIZIO in questione non sia limitato SOLO al centro storico, ma a tutte le strade di competenza del territorio comunale anche statali e provinciali fino al confine con i comuni limitrofi.
c) il servizio sia effettuato a richiesta né tantomeno con costi
aggiuntivi, ma programmato periodicamente con un calendario certo, che non permetta l’ accumularsi dei rifiuti sul bordo stradale, sopratutto per le strade provinciali dove è compito della provincia effettuare il taglio della vegetazione.
d) tale raccolta riguardi OGNI tipo di rifiuto abbandonato (anche
pericoloso), facendo attenzione all’ opportuna differenziazione, come onere di qualsiasi cittadino.
e) in caso di elementi che identifichino univocamente i proprietari
dei rifiuti abbandonati (es. medicinali scaduti, targhe auto ecc.),
allora ONERE aggiuntivo della società di raccolta dovrà essere quello di sporgere denuncia alle autorità competenti per il reato ambientale di abbandono dei rifiuti in natura.

2) Riguardo le microdiscariche, che dovessero formarsi entro il
territorio comunale con particolare attenzione a boschi ed aree verdi, su segnalazione di cittadini, associazioni e comitati, il comune deve adoperarsi per richiedere celermente un pronto intervento da parte della società aggiudicatrice della gara d’ appalto in modo da effettuare ***senza costi aggiuntivi*** per un numero di pulizie annue straordinarie da decidere preventivamente e da inserire nel bando (es. 20 pulizie straordinarie/anno).

3) In merito alla potatura, pulizia aree verdi e taglio alberi:
a) riteniamo molto importante inserire DA SUBITO nel bando in
questione la necessità di non utilizzo di diserbanti chimici in luoghi
dove suddette sostanze, anche a seguito di piogge e condizioni meteo sfavorevoli, possano inquinare i corsi d’acqua e gli scarichi, le acque chiare e scure e comunque essere assorbite dal terreno andando ad impattare sulla falda acquifera, inquinandola.
b) Riguardo la potatura di siepi ed arbusti riteniamo necessario che il servizio venga fatto lungo tutto il territorio comunale, non
solamente nei parchi e nelle aree verdi, ma anche sul ciglio delle
strade di ogni tipo e che tale servizio sia periodico e programmato a priori (non a richiesta).
Riguardo le potature di arbusti, riteniamo fondamentale NON CONSIDERARE LA LEGNA RICAVATA COME RIFIUTO CONFERITO ALLA SOCIETA’, MA COME RISORSA
PER LA CITTADINANZA CHE DOVREBBE ESSERE REDISTRIBUITA IN OPPORTUNI SPAZI (O IN LOCO CON OPPORTUNO AVVISO A CURA DELL’AMMINISTRAZIONE
COMUNALE).
c) Riteniamo doveroso ribadire che la società vincitrice dell’
appalto NON POTRA’ ESSERE AUTORIZZATA AD ABBATTERE ALCUN ALBERO SIA ANCHE ESSO MORTO O PERICOLANTE, SENZA PREVENTIVI PERMESSI DALL’UNITA’ FORESTALE DELL’ ARMA DEI CARABINIERI E/O SU SPECIFICA ORDINANZA SINDACALE DA PUBBLICARE SULL’ ALBO PRETORIO ed infine che la legna che dovesse scaturire da suddetti tagli dovrà necessariamente essere redistribuita come al punto precedente.
d) In riferimento al punto precedente di cui sopra, riteniamo
opportuna il censimento chiaro ed univoco di ogni albero ad alto fusto di un certo valore paesaggistico/ambientale da proteggere, sia in terreni pubblici sia in aree private e che questi alberi vengano opportunamente segnalati e salvaguardati, onde evitare tagli e potature inopportune che ne compromettano la stabilità presente e futura.

Sperando di aver fatto cosa gradita,
porgiamo i nostri cordiali saluti a nome di tutto il comitato.

Stefano Gallozzi
(presidente Comitato Tutela e Salvaguardia dell’ Ambiente in Monte Porzio Catone)


====================================================
Comitato di Tutela e Salvaguardia dell’ Ambiente
Monte Porzio Catone – ONLUS
====================================================
Sede Ass.: v. Fabio Pittore, 11 – 00078 Monte Porzio Catone (RM)
Cod.Fisc.: 92034160587
E-Mail: comitatotutelamonteporzio@gmail.com
Gruppo: comitato_tutela_monte_porzio_catone@googlegroups.com
Sito-web: https://comitatotutelamonteporziocatone.wordpress.com
Facebook: https://www.facebook.com/comitatotutelamonteporziocatone
IBAN: IT62F0709239231000000022905
====================================================

La lettera è stata DA SUBITO minimizzata poiché si è tenuto a precisare che l’ argomento del consiglio riguardava le direttive/linee guida per la definizione del bando di gara; mentre le argomentazioni, che portavamo come comitato erano da recepire da parte dell’ ufficio tecnico, che avrebbe materialmente effettuato operazione di stesura del bando di gara in questione…

IN REALTA’ però, non avendo comunque la possibilità di replica, ci teniamo a precisare che i punti, su cui il comitato ha insistito riguardano principalmente la questione dei servizi aggiuntivi del bando come mostrati nell’ allegato presentato ASSIEME al prospetto delle linee guida. QUINDI DI FATTO INSERITE NELLE LINEE GUIDA STESSE E QUINDI OGGETTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DI CUI SOPRA!

serviziaccessoriIn questo prospetto (vedere immagine) la lunga lista di servizi accessori che le direttive per il bando di gara DECIDONO di tralasciare si incarnano PROPRIO NELLE RICHIESTE DEL COMITATO. VERO CHE IL TUTTO DIPENDERA’ DA COME IL BANDO VERRA’ SCRITTO CON IL RELATIVO CAPITOLATO D’APPALTO, MA SI PRESUME, CHE SE LE DIRETTIVE/LINEE GUIDA SI PREMURANO DI ALLEGARE UN PROSPETTO, IN CUI I SERVIZI NON SONO PRESENTI ERGO SI PRESUPPONE CHE IL RELATIVO BANDO LI CONSIDERERA’ COME SERVIZI EXTRA NON PRESENTI. QUINDI RINNOVIAMO I PUNTI DELLA NOSTRA LETTERA E RIBADIAMO UNA QUESTIONE MOLTO SEMPLICE:

QUELLO CHE SI PENSA SUPERFLUO COME LA RACCOLTA E LA PULIZIA DELLE STRADE OBBLIGATORIA DA EFFETTUARE DA PARTE DI CHI SI AGGIUDICA UN APPALTO DA 9MILIONI DI EURO, IN REALTÀ VA AD IMPATTARE SULL’AMBIENTE DI TUTTI NOI E, SOPRATUTTO, SE DIVENTA UN EXTRA A PAGAMENTO, POI CI TROVIAMO COME ACCADUTO AL PAESE LIMITROFO (di cui non facciamo il nome), DOVE FINO A POCHI ANNI FA IL SERVIZIO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI NEI BOSCHI (PER DIRNE UNA) ERA A CARICO DELLA SOCIETÀ RACCOLTA RIFIUTI, POI QUEL SERVIZIO È DIVENUTO “A RICHIESTA” E LA SOCIETÀ DI SERVIZI HA DECISO DI SPARARE CIFRE ESORBITANTI PER OGNUNO DEI SERVIZI EXTRA RICHIESTI: “UNA GIORNATA ECOLOGICA” COSTA AL COMUNE IN QUESTIONE QUALCOSA COME 150MILA EURO DI SOLDI PUBBLICI ED IL RISULTATO È CHE I BOSCHI LIMITROFI SONO DIVENTATI UNA DISCARICA A CIELO APERTO E NESSUNO SI AZZARDA A CHIEDERE ALLA SOCIETÀ DI INTERVENIRE TANTO PIÙ CHE POTREBBERO AVERE INTERESSE A SPORCARE E/O CHE LA SITUAZIONE DIVENTI INSOSTENIBILE IN MODO DA ESSERE CHIAMATI A FARE NUOVE GIORNATE ECOLOGICHE…!!!

SE MONTE PORZIO CATONE FARÀ PARTIRE UN BANDO DI GARA ESCLUDENDO TALI SERVIZI COME CAPITOLATO DI PRESTAZIONI OBBLIGATORIE PER LA SOCIETÀ VINCITRICE DELL’ APPALTO, TROVEREMO UN MODO ECLATANTE DI FAR EMERGERE QUESTA MANCANZA.

MA SIAMO STR-SICURI CHE QUESTA COSA NON ACCADRÀ E CHE, COME LA VICE-SINDACO PELAGAGGI IERI SERA HA ASSERITO “AMMETTO CHE ALCUNI PUNTI SOLLEVATI SONO ALQUANTO RILEVANTI” SIAMO CONFIDENTI CHE ANCHE L’ UFFICIO, CHE SI OCCUPERÀ DI REDIGERE SUDDETTO BANDO DI GARA PROVVEDERÀ A TENERE CONTO DI TUTTI I NOSTRI PUNTI.

PERCHÉ LA RACCOLTA VOLONTARIA EFFETTUATA DAI CITTADINI QUEST’AUTUNNO È STATA SOLO UNA AZIONE DIMOSTRATIVA E NON VERRÀ REPLICATA A COSTO DI AZIONI DIMOSTRATIVE MOLTO PIÙ INCISIVE!

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...