Monte Porzio Catone: un delirio cementificatorio senza precedenti!

Albo Pretorio del comune di Monte Porzio Catone… nel mese di gennaio 2017 sono comparse circa 10 autorizzazione paesagistiche per costruzioni/ampliamenti/permessi a costruire in sanatoria… nei mesi scorsi altrettanti, se non di più.albo2017

In alcuni casi si tratta di ampliamenti o piccole modifiche della sagoma dell’ immobile, una tettoietta, un condizionatore… nascosti dietro a semplici sigle, i cui allegati vanno scaricati uno ad uno per capirne la portata (ma che nel 90% dei casi non sono disponibili e si necessita di accessi agli atti…) …. …. …. ma, in altri casi, si tratta di grossi lavori che dureranno mesi e che vedranno stravolgere il paesaggio circostante.

Questo trend cementificatorio non è isolato, già nei mesi scorsi denunciammo lo stesso inconsueto incremento di licenze e autorizzazioni e permessi…

ALLA FINE CI SIAMO CHIESTI cosa fosse cambiato rispetto al passato…

PERCHÉ SI STANNO CONCENTRANDO TUTTE ORA LE COSTRUZIONI?

UNA CONGIUNTURA ECONOMICA PARTICOLARMENTE FAVOREVOLE?

I TERRENI MONTEPORZIANI SONO DIVENTATI EDIFICABILI TUTTI INSIEME?

Cosa è cambiato rispetto a 2-3 anni fa?

NON SI VORRÀ FAR CASSA CON GLI ONERI DI URBANIZZAZIONE? NO non crediamo, sarebbe troppo sciocco: è come svendere i gioielli di famiglia a dei speculatori/pescecani!

speculazione-edilizia

Nessun comune lungimirante potrebbe mai fare questo ragionamento poiché devolvere agli speculatori il territorio monteporziano, non porterà nuovi soldi nelle casse comunali, tanto più considerando che le case per lo più rimarranno invendute e quindi nulli anche gli introiti derivanti dalle tasse delle “nuove residenze”!

Ed allora perché un PAESE FERMO AL PALO in termini di popolazione alle misere 8900 anime e che è ben lontano dall’ incremento stimato dell’ attuale piano regolatore (che prevedeva più di 20mila cittadini), dovrebbe continuare a costruire nuove abitazioni? PERCHÉ SI COSTRUISCE SAPENDO CHE LE CASE RESTERANNO INVENDUTE?

Un’ idea ce la abbiamo ma non è questa la sede per azzardarla!

Quello che non possiamo esimerci all’ affrontare è che NON riusciamo a comprendere cosa possa portare ad autorizzare l’ abbattimento di boschi e macchie verdi (brutalmente classificate come “vegetazione rada”), per permettere ad esempio la costruzione del complesso delle Casette di Marzapane dei sette nani, il nuovo complesso a v. di Fontana Candida subito dopo l’ uscita dalla A1 e/o le colate di cemento devastanti di Valleverde/Vallecemento! Oltre alla danno (incalcolabile) la beffa di veder crescere dei complessi architettonicamente ed oggettivamente “fuori luogo” per il contesto in cui sono immersi.

case_di_marzapane

v. di Fontana Candida: gli alberi che c’erano prima sono scomparsi… al loro posto sono stati piantati molti ulivi (che non sono albero ma arbusti), per un discorso più che altro decorativo, non ambientale….. …. comunque meglio che niente!

16105812_10211730490558983_972833067370872732_n

valleverde – vallecemento: qui i muri a confine arrivano fino a 6,8 metri di altezza ed oscurano il sole come si vede anche da questa immagine… un intero oliveto è stato eradicato per fare posto a questo complesso di dubbia esteticità.

Senza contare che ogni nuova costruzione altera il paesaggio in maniera quasi sempre irreversibile. Dove prima c’era un boschetto ora ci sono le villette dei sette nani… anche questo è progresso e, sopratutto, il biglietto da visita/immagine, che si da del paese appena si esce dall’ autostrata!

Premettendo il fatto che se una specie arborea nel corso degli anni si è faticosamente  ritagliata una nicchia di habitat in una zona del paese, essa per gli abitanti del luogo diventa una presenza “di casa”, e finisce per rappresentare un patrimonio inestimabile per il paese intero, non possiamo che eccepire il punto che ESSA NON PUÒ ESSERE CONSIDERATA UNA PROPRIETÀ ESCLUSIVA DI CHI DETIENE IL TITOLO “LEGGITTIMO” SU QUEL TERRENO, MA SI TRATTA DI UNA RES-PUBLICA / DI PUBBLICA UTILITÀ.

Non ha senso eradicarla, costruirci sopra per poi (se e solo se “qualcuno” lo costringe) reimpiantarla altrove… tanto vale comprendere se è o meno il caso di costruire in quel luogo e nel caso di specie arboree di elevato pregio, NEGARE IN TOTO la licenza edilizia!

Che senso ha prendere un terreno farsi dare una licenza edilizia per una bifamiliare e poi affidarla ad un costruttore, il cui unico compito è lucrare sul terreno acquistato, che ci assembla sopra prima 8 poi altre 10 abitazioni (per un totale di 18)… senza più neanche un centimetro di verde… come al complesso BELVEDERE su via di Monte Compatri… PROPRIO UN BEL-VEDERE, aggiungiamo noi!!!

Ma sopratutto… ne vale la candela? A nostro parere no!

Il vero valore di una casa non sono quelle 4 mura, a volte fatte realmente con il marzapane (cosa per altro abbastanza grave in una zona sismica come questa!)… NON È LA CASA STESSA IL SUO VALORE, ma quello che gli sta intorno: un valore che i costruttori non recepiscono e che gli ignari proprietari terrieri non comprendono quando cedono l’ inestimabile valore del loro terreno a questi sciacalli.

ED A QUANTO PARE NEANCHE GLI AMMINISTRATORI DEL NOSTRO COMUNE SONO CONSCI DEL VALORE CHE STANNO SVENDENDO A QUESTE PERSONE!

EPPURE ricordiamo bene le affermazioni pre-elettorali, che MOLTO INCISERO sulla vittoria alle elezioni comunali:

“È un nostro impegno primario la Difesa del territorio da politiche di nuova cementificazione entro un quadro di riequilibrio urbanistico fra insediamenti e servizi nelle zone che oggi ne sono carenti; sviluppo di tutte le iniziative atte a favorire la conservazione e la difesa dell’ambiente, con il rilancio del patrimonio vitivinicolo, dell’olio d’oliva e del patrimonio boschivo.”
Punti programmatici di indirizzo, che poi si sono concretizzati ad inizio mandato:
“Prevedere, per l’attività edificatoria il blocco dell’uso indiscriminato del suolo e privilegiare le ristrutturazioni e il recupero del grande patrimonio edilizio già esistente su tutto il territorio comunale” e ” Per tutte le lottizzazioni ultimate negli ultimi decenni recuperare gli standard urbanistici e risolvere possibili conflitti relativi alle problematiche ancora aperte”.

Per i primi sei mesi si sono trincerati dietro ad autorizzazioni già concesse… ED ORA? Da dove vengono tutte questi permessi a costruire!??

Insomma stiamo assistendo ad uno stravolgimento senza precedenti del nostro territorio e per lo più la cittadinanza si è stretta in un grido silenzioso che non riesce più a sfociare fuori dal nostre corde vocali perché siamo totalmente dis-illusi e dis-affezionati dall’ azione di non tutela ambientale che ci circonda!

Siamo totalmente dis-illusi del fatto che la tutela dell’ ambiente e del nostro territorio sia una prerogativa di questa amministrazione… sopratutto quando UN GRUPPO DI CITTADINI (NOI) È COSTRETTA AD OSTEGGIARE LE COLATE DI CEMENTO PER RIVENDICARE IL FATTO CHE NON SI PUÒ COSTRUIRE SU UN BOSCO, IN UNA AREA BOSCHIVA… QUALCOSA COME 17MILA METRI CUBI DI CEMENTO…! NON SI PUÒ! E PAGHIAMO DI TASCA NOSTRA  PER BLOCCARE QUELLA SCELLERATA ***NUOVA*** CONVENZIONE EDILIZIA…!

MA DEL RESTO QUESTA È una amministrazione attenta all’ ambiente ed al territorio… questa!

colle_formello_muri

A colle formello, lottizzazion ex-Roncoroni Ricci, 17 mila metri cubi di cemento, che dovrebbero essere costruiti dalla società Euroimmobiliare 2003, che andrebbero ad impattare sull’ assetto idrogeologico (e non solo paesaggistico) dell’ intero comprensorio. Da questa immagine sono facilmente visibili i muri di contenimento +/- TUTTI ABUSIVI (con ordinanza di demolizione), che non sono stati demoliti. Va notato e da questa immagine si vede benissimo, che  non sono state rispettate neanche le distanze minime  di rispetto del fosso delle acque pluvie, Fosso Lucidi. Nonostante questo il comune ha fatto una nuova convenzione urbanistica, che ci ha costretto a presentare ricorso al TAR Lazio, altrimenti si sarebbe consolidato un “precedente amministrativo” di edificazione ingente su un’ area boschiva (da piano regolatore) e quindi TOTALMENTE inedificabile! Permettere questa convenzione avrebbe dato spunto a tutti i proprietari di Monte Ciuffo di chiedere in via giudiziale la licenza edilizia avvalendosi della convenzione Colle Formello appena stipulata. Grazie a questa convenzione si sarebbero risolte in 4 e 4 otto tutte le pendenze edificatorie rimaste appese da più di 50 anni e/o bocciate al tuscolo fino in cima alla croce! Ecco il perché del nostro ricorso al TAR, non smetteremo mai di ripeterlo! Abbiamo bisogno di tutti voi!

Ma non è solo per costruire: qui a Monte Porzio Catone, gli alberi scompaiono in maniera inaspettata…: ieri c’erano ed oggi non ci sono più…!

In attesa di una puntata speciale di Chi l’ Ha Visto sugli alberi scomparsi di Monte Porzio Catone, vi lasciamo con queste immagini e con la constatazione (AMARISSIMA), che ogni volta si fa un paragone tra una immagine in archivio di google map si scopre sempre qualcosa di brutto… provare per credere…!

prima_dopo

Che fine hanno fatto gli alberi ad alto fusto che nel 2015 erano presenti ed ora sono stati soppiantati da questa costruzione? Venduti per strada come due anni fa a v. Tuscolo?

belvedere_alberi

Alberi ad alto fusto volatilizzati durante le costruzioni di complessi di villette a v. di Monte Compatri.

prima_dopo_vmajorana

v.Majorana, degli abeti ad alto fusto scarnificate e tagliati alla base.

Invitiamo TUTTI i lettori a leggere l’ articolo del 19 gennaio 2017 a pag.4 de Il Fatto Quotidiano in cui si denuncia che la pianificazione urbanistica è sregolata e sopratutto nelle zone sismiche, che dovrebbero essere quelle più critiche il cemento è più che triplicato a fronte di un decremento della popolazione! img_20170120_110257

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...