Antenne Radio-TV-Fonia… nuove, vecchie ed alcune “stranamente” occultate!

manifesto_antenne_scuola

Siamo nel Parco Regionale dei Castelli Romani e che diamine… qui non prendono neanche i telefonini… VERO… ma le radio prendono benissimo!

E prendono talmente bene che se si ha un piccolo appezzamento di terra, magari un pezzetto di bosco inutilizzato con alti alberi… oppure un fazzoletto di 50mq inutilizzato proprio vicino ad una scuola materna… se ce lo hai questo pezzo di terra, allora può essere un bel business farci installare una antenna radio/TV.

Con il digitale terrestre si sono moltiplicate le emittenti e quindi anche il segnale deve raggiungere chiaramente molte più utenze, non è come con l’ analogico a cui i nostri nonni erano affezionati, quello che il segnale c’era e non c’era, con il digitale se il decoder non trova un segnale forte e pulito, allora non si vede nulla in TV… neanche le soap opera!

Ecco quindi che nel corso degli ultimi anni l’ installazione di antenne radioTV la fa da padrone, prima il primato ce l’ avevano le antenne di telefonia (operatori per lo più privati), tanto da costringere le istituzioni ad introdurre normative molto stringenti (più che nel resto d’ Europa) ed a creare un registro pubblico di installazioni consentite con le relative caratteristiche a norma di legge. Tutte quelle che rimangono non censite di fatto sono abusive ed è plausibile che poco si curino dei limiti imposti dalla legge italiana.

Per le antenne radio/TV il discorso è leggermente differente, le installazioni più grandi e vecchie avevano ricevuto l’ autorizzazione dal ministero delle telecomunicazioni e sono quindi antecedenti a tutte le regolamentazioni di tipo ambientale varate a partire dal 2002. Il problema fondamentale è che una volta che una installazione è operante per legge essa offre un pubblico servizio quindi diviene quasi intoccabile.

E’ per questo che tali installazioni a volte vengono tirate su FURTIVAMENTE di notte, senza che nessuno se ne accorga, quasi ad avere a che fare con dei ladri di professione… OK, ma quali allarmismi? cosa ti rubano queste persone? NIENTE…

???!!!

Ed allora perché fare tutto di nascosto?

Perché una mattina ti svegli e scopri che a 10 (dico 10!) metri in linea d’ aria dalle finestre della scuola materna comunale di Monte Porzio Catone, dove vanno bambini dai 3 ai 5 anni è stata eretta una nuova installazione radio. Una nuova antenna in una zona recintata all’ incrocio di due strade, con tanto di cabina elettrica di trasformazione (essa stessa fonte di radiazioni elettromagnetiche). Forse della protezione civile? forse una installazione di pubblica utilità? Forse… forse neanche a così grande impatto… ma perché proprio li con tutto il posto che c’era!!!?

Ed allora di cosa stiamo parlando?

Possibile che una amminsitrazione ha rilasciato il permesso a tirare su una installazione di questo tipo? In un punto così sensibile, per la salute dei più piccoli? Perché l’ amministrazione comunale, che si cura tanto dell’ ambiente è a conoscenza di questo, vero?

Tralasciamo il fatto che facendosi una passeggiata per i boschi di punto in bianco vengono le vertigini e girato l’ angolo su un sentiero di Monte Ciuffo ci si trovi dinnanzi ad installazioni importanti alte 20 metri nel cuore del parco dei castelli, che riversano su monte porzio un flusso continuo e direzionale di radiazioni elettromagnetiche. Tutte regolamentari???!!!

Tralasciamo che queste aree sono di proprietà e che quindi le persone in questione che hanno autorizzato queste installazioni sulle loro aree prenderanno dai 10 ai 20 mila euro annui (spesso in nero!) a danno di tutta la collettività (facile trincerarsi dietro cartelli come “divieto d’ accesso… proprietà privata…” ecc, perché i danni vengono trasmessi via etere!).

Tralasciamo anche che queste installazioni sono parzialmente occultate dalla vegetazione rigogliosa (alberi ad alto fusto), ma “parzialmente” significa che sono ben visibili e rappresentano un obbrobrio paesaggistico da tenere in considerazione.

Tralasciamo tutto questo… perché siamo sicuri che in comune si abbia il polso della situazione (anche se come comitato chiederemo le carte inerenti i permessi di costruzione ed installazione di tutto ciò!)….

Tralasciamo tutto, ma non tralasciamo le misure di campo elettromagnetico!

Finché esisterà una legge, che impone dei limiti di emissione saremo sempre vigili su questo fronte e monitoreremo la conformità agli standard di legge.

NON TRALASCIAMO DELLE RIGOROSE MISURE NEI LUOGHI PIU’ SENSIBILI E FREQUENTATI DA BAMBINI, COME SCUOLE DI OGNI GRADO E CENTRI DI RITROVO E SPORTIVI.

Abbiamo quindi chiesto ad ARPA LAZIO (Agenzia Regionale per l’ Ambiente) una misura certificata in punti sensibili del Comune di Monte Porzio Catone, come comitato.

Se chi legge si dovesse trovare in una situazione particolare e volesse chiedere il nostro intervento, o volesse anche solo fare una segnalazione sul tema, prego non esitare a contattarci qui. Ci serve anche il vostro aiuto perché l’ ambiente va tutelato tutti assieme!

Annunci

One thought on “Antenne Radio-TV-Fonia… nuove, vecchie ed alcune “stranamente” occultate!

  1. Pingback: Misurazioni campo E.M. a Monte Porzio Catone… c’è da stare tranquilli? | Comitato di Tutela Monte Porzio Catone

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...